L’ORGANIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

L'organizzazione delle Risorse Umane
L’organizzazione delle Risorse Umane

L’organizzazione delle risorse umane è un altro momento molto importante e delicato che l’imprenditore si trova ad affrontare durante lo svolgimento della sua attività. Dobbiamo ammettere che il sucesso di un’impresa e il  suo consolidamento nel mercato non è sempre dovuto al fatto che l’imprenditore ha avuto una buona idea imprenditoriale; infatti, l’imprenditore costruisce il suo successo giorno dopo giorno  con la collaborazione delle persone che lo aiutano a dare vita alla sua idea e a concretizzarla. E se le persone (che sono persone…) non donano la loro collaborazione, il successo può tardare ad arrivare.

La scelta e l’organizzazione delle risorse umane rappresenta, quindi, un momento un pò cruciale della vita aziendale: saper reclutare, motivare, coinvolgere e valorizzare il proprio personale diventa un forte elemento di differenziazione rispetto alla concorrenza. Per esempio: a cosa è dovuto il fatto, abbastanza frequente, che due aziende operanti nello stesso settore, aventi la stessa dimensione, gli stessi fatturati (euro più, euro meno), le stesse tecnologie,  registrano performance diverse?

La scelta dei collaboratori è un momento delicato dell’organizzazione aziendale: l’imprenditore può raggiungere più rapidamente il successo quando è in grado di scegliere i collaboratori giusti ed è altrettanto in capace di infondereloro le giuste motivazioni, così da poter creare un team, una squadra che lavora per il suo progetto d’impresa. Ancora oggi molte realtà aziendali non hanno ancora compreso quanto è strategica la scelta delle persone e la loro motivazione: basti pensare al fatto che in tantissime aziende, la formazione delle risorse umane viene vissuto come un costo di gestione, piuttosto che come un vero e proprio asset competitivo.

Leggi tutto

LE RICERCHE DI MERCATO PER IL BUSINESS PLAN

Le ricerche di mercatoLe ricerche di mercato per il business plan sono uno degli elementi essenziali e più importanti necessari per sostenere la validità del  tuo business plan poiché sono come le fondamenta di un palazzo: rappresentano la base su cui l’imprenditore decide se investire in un certo business oppure no. Tra poco vediamo perché.

E’ opportuno fare le ricerche di mercato per il business plan ogni volta che vuoi lanciare sul mercato un nuovo  prodotto o servizio, oppure ogni volta che vuoi lanciare una nuova impresa. Ma non solo: le ricerche rivelano tutta la loro utilità anche nel caso in cui non ci sono nuove idee o nuove aziende, ma si vuole “entrare” in un mercato profittevole e all’interno del quale già ci sono dei concorrenti.

Questo accade per il semplice fatto che spesso un imprenditore vuole presentare al mercato un prodotto già esistente, ma al quale ha apportato qualche piccola modifica. E’ pieno di mercati che presentano prodotti sostanzialmente uguali, eppure differenti. Basti pensare al mercato delle automobili. Una macchina è una macchina: ha pur sempre quattro ruote e un motore…eppure ogni auto è diversa dall’altra. Quindi? A cosa servono le ricerche di mercato?

Prima ancora di iniziare a pensare alla realizzazione del tuo business plan, e quindi di cercare una sede, di produrre e vendere un prodotto/servizio, è necessario  che  fai una ricerca approfondita sul tuo mercato di riferimento. A questa ricerca dedica impegno, tempo e  risorse così da poter avere chiaro il contesto nel quale  vai ad operare. Attraverso una buona ricerca, riduci al minimo  il rischio che si accompagna alla creazione di ogni nuova impresa, o al lancio di un nuovo prodotto/servizio sul mercato. Le ricerche di mercato per il business plan possono servirti per  confrontarsi con tutti quei fattori che sono in grado di indicarti la  strada giusta da seguire per portare il tuo business plan al successo.

Leggi tutto

LA VALUTAZIONE DEL BUSINESS PLAN

la valutazione del business plan
la valutazione del business plan

La valutazione del business plan come viene effettuata? Questa è un’altra domanda che qualche navigatore ci ha posto nel sondaggio on-line e alla quale rispondiamo oggi. Ci dovete scusare, ma il ritardo delle risposte è dovuto al fatto che stiamo analizzando le domande che ci ponete e le stiamo mettendo in una specie di “ordine gerarchico” per numero di richieste. Iniziamo con il dire che il business plan viene valutato in modo diverso a seconda di chi è la persona, o l’istituzione, che lo deve valutare, e aggiungiamo anche che la valutazione del piano di business varia anche a seconda dello scopo per cui viene scritto.

Abbiamo scritto nella home page del sito a cosa serve questo documento e in qualche articolo (e in qualche altra pagina del sito) lo abbiamo paragonato alla bussola che serve al capitanto della nave per mantenere la rotta verso il porto di attracco. Il porto in questione è rappresentato dagli obiettivi dell’azienda e dell’imprenditore e, senza bussola, si rischia di perdere l’orientamento o, nei casi peggiori, di andare a sbattere contro qualche scoglio! Questa è, forse, la ragione principale per cui scrivere un business plan.

Leggi tutto

CAPITALE PROPRIO E INDEBITAMENTO: IL LEVERAGE

capitale proprio e indebitamento
capitale proprio e indebitamento

Quale è il rapporto ottimale tra il capitale proprio e l’indebitamento da inserire nel business plan? Questa è una domanda che ci è stata posta nel sondaggio on line da qualche navigatore, e alla quale rispondiamo qui nel blog. Ci scusiamo per la tardiva risposta, ma di domande ce ne avete fatte davvero tante!

Iniziamo con il dire che capitale proprio e indebitamento sono le due voci dello stato patrimoniale che costituiscono la struttura finanziaria dell’azienda, della quale abbiamo già parlato in questo articolo. La struttura finanziaria è costituita dal capitale proprio (che è quella parte dei finanziamenti che l’imprenditore o i soci dell’azienda “mettono” di tasca propria sotto forma di conferimenti, o sotto forma di successivi versamenti) e dai debiti, che possono essere di breve termine e/o di lungo termine. I debiti sono rappresentati da tutti i finanziamenti che l’imprenditore attinge da terzi come: banche, fornitori, finanziarie e altri, e che possono assumere varie forme.

Bisogna specificare anche una cosa: gli stessi debiti per TFR (Trattamento di Fine Rapporto) che l’azienda contrae nei confronti dei lavoratori, fanno parte della struttura finanziaria, perchè rappresentano una voce del c.d. “autofinanziamento” che serve all’impresa per finanziare la sua attività. Ma debiti sono, e debiti restano, poichè prima o poi questi soldi devono essere dati ai lavoratori…

Leggi tutto

PARTITA DOPPIA E FINANZA AZIENDALE

Partita doppia
Partita doppia

Qualche navigatore ci ha chiesto se potevamo approfondire il rapporto tra partita doppia e finanza aziendale poiché qualche punto è “un po’” oscuro. Partiamo come al solito dall’inizio dicendo, per onestà del vero, che è poco probabile riuscire a comprendere e (soprattutto) gestire i meccanismi della finanza d’azienda, se prima non si hanno delle solide basi di contabilità, cioè di partita doppia.

Attenzione!! Questo non significa che dobbiamo diventare tutti commercialisti, oppure che dobbiamo frequentare un corso universitario, o andare a fare tre anni di praticantato da un professionista, per capirci qualcosa!!! Assolutamente no…Noi stessi non siamo commercialisti e infatti ne paghiamo uno. Solo che, sempre a onor del vero, per gestire un’azienda e per non deragliare dai binari di una corretta gestione aziendale, la comprensione della finanza è una specie di “conditio sine qua non“. Tutto ciò parte da lontano, più precisamente dalla formazione scolastica.

E adesso cosa c’entra la scuola? C’entra, e anche tanto. Infatti, fatta esclusione per gli istituti professionali e tecnici che suppliscono in minima parte, a scuola nessuno insegna la cultura finanziaria, dove per cultura finanziaria si intende proprio la comprensione del meccanismo sottostante il rapporto che c’è tra lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico, da cui deriva la conoscenza della finanza d’azienda e delle sue regole.

Leggi tutto

A CHE COSA SERVE IL BUSINESS PLAN?

a che cosa serve il business plan
a che cosa serve il business plan

“A che cosa serve il business plan?”.

Eccola qua! Ti presento la Domanda delle domande! Si, hai letto bene! E’ quella domanda che si pone ogni imprenditore quando qualcuno gli dice “Portami il Business Plan e poi vediamo!”.

Se stai leggendo questo articolo, molto probabilmente è perché sei andato da qualcuno a chiedergli un finanziamento e questo “qualcuno” ti ha detto “Portami il Business Plan e poi vediamo!”. E di conseguenza, ti sei chiesto: “Che cos’è questo business Plan?” E, poi, hai aggiunto: “E, soprattutto: a che cosa serve il Business Plan?

Bene! Se queste sono due delle domande che ti sei poste, sei nel posto giusto! Infatti, in tutto questo sito web parliamo proprio di questo argomento: del business plan. Parliamo dello strumento che, ormai, è diventato fondamentale per ogni imprenditore che vuole il successo della sua impresa. 

Ci riferiamo al documento che ogni imprenditore deve presentare in banca prima di andare a chiedere un finanziamento per la sua impresa. Parliamo di una vera e propria STAR alla quale tutti stanno riconoscendo i meriti che merita! 

Stiamo parlando di quel progetto che ogni imprenditore deve scrivere su carta per convincere qualcuno che la sua idea di business è buona e fa guadagnare soldi! Qualcuno ci ha “rimproverato” del fatto che spacciamo il piano d’impresa come una specie di miracolo che magicamente spalanca le porte delle banche. E ci hanno detto che le banche, al posto delle chiacchere, vogliono i fatti. Cioè: vogliono le c.d. “garanzie reali” a sostegno di un eventuale finanziamento.

Ma cosa sono e a che cosa servono queste garanzie reali? Perché, ancora oggi vengono richieste dalle banche a fronte di un finanziamento che devono concedere?

Leggi tutto

IL BUSINESS PLAN E LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

La valutazione del rischio
La valutazione del rischio

La valutazione del rischio d’impresa è uno degli aspetti più critici di un’idea di business e deve essere affrontato all’interno del business plan. Infatti, tramite il piano d’impresa, l’imprenditore (o l’aspirante imprenditore) deve chiarire il livello di rischio che sta per assumere nel momento in cui decide di fare un nuovo investimento per un’idea imprenditoriale che gli è venuta.

Una delle prime cose che insegna l’economia aziendale è che il concetto stesso di impresa contiene in se il rischio. Infatti, tecnicamente spesso si parla di “compenso per il rischio d’impresa”. In tal senso senso ci si riferisce al compenso che spetta (o spetterebbe) all’imprenditore per il semplice fatto che “rischia” di suo per organizzare l’azienda.

Vediamo di cosa si tratta e come si affronta il rischio d’impresa.

Leggi tutto

PIANO DI MARKETING E BUSINESS PLAN

piano di marketing e business planPiano di marketing e Business Plan: perchè è così importante? Come abbiamo avuto modo di scrivere più volte, la gestione di un’azienda si basa (o almeno dovrebbe basarsi) sui dati inseriti nel business plan. Il piano di marketing è l’elemento chiave del piano d’impresa. Infatti, serve all’imprenditore per capire quali sono le opportunità di business che presenta il mercato a cui ci si vuole rivolgere.

Nella parte descrittiva il business plan chiede proprio di tirare giù il piano di marketing. Nel piano di marketing occorre specificare chi sono i potenziali clienti e chi sono i concorrenti. Devi specificare quali sono le strategie che vuoi usare per conoscere e raggiungere il mercato target prescelto.

Inoltre, dovresti illustrare le strategie che vuoi utilizzare per mantenere le quote di mercato eventualmente conseguite. Nel piano di marketing puoi descrivere “chi fa cosa, quando, dove e come”. Si tratta, in sostanza, di fare un’attività di pianificazione di marketing. Vediamo di cosa si tratta.

Leggi tutto

FINANZA AZIENDALE E PROGETTI DI INVESTIMENTO

 

Progetti di investimentoProgetti di investimento e finanza aziendale sono due argomenti strettamente correlati nell’ambito del business plan poiché riguardano aspetti decisionali che investono la gestione nel suo complesso. Infatti, se la finanza riguarda il complesso delle decisioni che devono essere prese e le azioni che devono essere fatte per reperire e usare finanziamenti, la scelta degli investimenti è un’attività che deve essere fatta addirittura a monte del processo finanziario.

Quando l’imprenditore deve effettuare degli investimenti, solitamente si trova di fronte a molteplici alternative, non a una sola, e ognuna di queste alternative ha delle ripercussioni diverse sulla gestione, a partire dall’aspetto finanziario, per finire con quello organizzativo. Le domande che attanagliano la testa dell’imprenditore sono, più o meno, sempre le solite: “Che faccio? Cosa non faccio? E’ meglio fare così, o fare colà?”. Queste sono domande che spesso assillano l’imprenditore e gli tolgono anche la serenità necessaria per prendere la decisione giusta. ma sono domande alle quali occorre dare una risposta sensata. Vediamo quale.

Leggi tutto

IL NUOVO MARKETING: UN VANTAGGIO COMPETITIVO PER LE PMI

il nuovo marketing: un vantaggio competitivo per le PMI
il nuovo marketing: un vantaggio competitivo per le PMI

Anche oggi parliamo di marketing poichè è l’attività più importante che un imprenditore o un aspirante imprenditore dovrebbe fare prima di “piazzare sul mercato” un qualsiasi prodotto/servizio. Quando chiediamo a qualche imprenditore o a qualche non addetto ai lavori il significato della parola “marketing”, la maggior parte delle persone si ostina a rispondere che si tratta della pubblicità, ossia di tutte quelle attività che si fanno dopo che il prodotto/servizio è stato messo in produzione,. La pubblicità è solo la parte finale di una più ampia strategia che deve essere studiata e condivisa in ogni suo minimo dettaglio.

Moltissimi imprenditori sono ancora convinti che “marketing” sia qualcosa riservato solo alle grandi aziende o alle multinazionali, cioè quelle che possono permettersi di fare ingenti investimenti per lanciare o “rispolverare” un prodotto/servizio. Invece di dare attenzione ai punti di debolezza delle PMI, questa volta voglio evidenziare i punti di debolezza delle grandi aziende, che quando si parla di marketing, sono davvero tanti. Anche se non sembrerebbe…

Leggi tutto