Investimenti e finanziamenti: la struttura finanziaria dell’azienda

investimenti e finanziamenti
investimenti e finanziamenti

Investimenti e finanziamenti sono i cardini su cui poggia la “struttura finanziaria” della tua azienda. Sono racchiusi all’interno di un prospetto a due sezioni che si chiama “STATO PATRIMONIALE” che è una delle parti che compongono il bilancio d’esercizio.

In modo estremamente sintetico si può dire che gli investimenti sono tutti quei beni di cui devi disporre per svolgere la tua attività, mentre i finanziamenti sono i soldi di cui hai bisogno per “comprare” gli investimenti.

Per questa ragione, investimenti e finanziamenti, di solito, procedono di pari passo: tanto sono gli uni, tanto devono essere gli altri. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta.

Possiamo considerare investimenti le seguenti voci che compongono lo stato patrimoniale: gli  impianti, i macchinari, i fabbricati, gli  automezzi, i computer, i mobili per l’ufficio e altri beni che ti servono per svolgere la tua attività. Supponiamo che tutto quello che devi “comprare” costa 150.000 euro: ciò significa che devi disporre di 150.000 euro per “comprare” quello di cui hai bisogno cioè che i finanziamenti devono essere pari agli investimenti. Ecco, quindi, che investimenti e finanziamenti devono avere per forza lo stesso valore e se non hanno lo stesso valore vuol dire che c’è un errore da qualche parte.

Quindi, si possono verificare varie situazioni: la prima (e te lo auguriamo!) è quella in cui tu hai tutti i soldi che ti servono per fare gli investimenti: in tal caso si parla di “autofinanziamento” dell’attività proprio per indicare il fatto che l’imprenditore (cioè TU), ha finanziato l’attività interamente con soldi propri. La seconda, più probabile, situazione è quella che si verifica quando tu hai una parte dei soldi che ti servono (per esempio: 60.000 euro) e il rimanente (90.000 euro) te li procuri tramite una banca, oppure tramite qualche altra istituzione creditizia, oppure li trovi da qualche altra parte (da qualche tuo amico o parente, per esempio..).

Un’altra ipotesi, è un mix finanziario (quello che si verifica nella maggior parte dei casi): in questa situazione una parte dei finanziamenti ce  li metti tu, un’altra parte la banca e il rimanente te lo procuri con altri metodi, come il credito di fornitura, oppure tramite qualche prestito che ti concede qualcuno che ti conosce e si fida di te e della tua idea. L’importante è che investimenti e finanziamenti corrispondano sempre. Questo è il principio del pareggio di bilancio, che concettualmente è molto semplice: se gli investimenti di cui hai bisogno “costano” 150.000 euro, hai bisogno di 150.000 euro per “comprarli”. Non un euro di più, non uno di meno…

Investimenti e finanziamenti: un semplice esempio

Come ti abbiamo detto poco fa, è chiaro che lo Stato Patrimoniale è la sintesi degli investimenti e finanziamenti che devi fare per allestire la tua azienda e portarla avanti. Un esempio di Stato Patrimoniale è quello che ti riportiamo nella seguente figura:

investimenti e finanziamenti
investimenti e finanziamenti

Come puoi vedere, nella colonna di sinistra devi specificare quali investimenti devi fare, e il relativo costo; questo significa che all’interno della sezione sinistra dello Stato Patrimoniale (detta colonna del “dare”) devi specificare tutto quello che ti serve per far partire la tua attività. Nella colonna di destra, detta colonna dell'”Avere”, devi specificare i finanziamenti, con relativo ammontare. Nel decidere l’ammontare di investimenti e finanziamenti devi prestare molta attenzione ad un principio molto importante in base al quale gli investimenti “di lungo termine” devono essere finanziati con finanziamenti “di lungo termine”: si tratta del principio della correlazione temporale tra investimenti e finanziamenti che è uno dei principi cardine su cui si basa l’intera finanza aziendale e che devi sempre tenere presentare ogni volta che ti appresti a definire la struttura finanziaria della tua azienda (clicca qui per approfondire come apprestare una buona struttura finanziaria).

Ciò accade per il rispetto di un principio di equilibrio finanziario in base al quale  gli investimenti che hanno una durata superiore a 12 mesi (per esempio un macchinario) devono essere finanziati con soldi che dovrai rimborsare (a chi te li ha eventualmente prestati) a scadenze superiori a 12 mesi (per esempio un mutuo).

Se non rispetti questo principio di equilibrio finanziario, incontrerai qualche problema con la tua liquidità, poiché prima pagherai i finanziamenti e dopo incasserai gli investimenti che hai fatto.

Investimenti e finanziamenti
Investimenti e finanziamenti