GLI OBIETTIVI DELL’AZIENDA: LA VISION E LA MISSION

image - Marketing stratégique - communication

id=”attachment_2000″ align=”alignleft” width=”319″ caption=”Gli obiettivi dell’azienda: la VISION e la MISSION”

Abbiamo già parlato qui degli obiettivi di vendita e delle caratteristiche che devono avere. In generale, però, quando si parla di obiettivi dell’azienda, non ci si riferisce solamente ad obiettivi di natura tipicamente commerciale, ma ad obiettivi di più ampia portata che servono, poi, ad orientare quelli commerciali. In tal senso, molto spesso accade che, per un motivo o per un altro, le aziende non danno il giusto rilievo a questi obiettivi i quali, al contrario, hanno un’importanza forse superiore a quelli di carattere commerciale poichè, una volta definiti, orientano l’intera azione dell’azienda. Si tratta di obiettivi strategici, ossia obiettivi che devono orientare l’azione del management e dell’intera azienda nel lungo periodo. E, di solito, quando si pensa al lungo periodo tantissimi imprenditori pensano a cosa vogliono fare, elaborano idee e pensano ad azioni, ma “dimenticano” di scriverle e di trasmetterle a tutti i livelli aziendali, dal primo dei manager all’ultimo degli impiegati. Quando si parla di obiettivi dell’azienda, ci riferiamo a : 1) Vision e Mission dell’azienda 2) Obiettivi di lungo termine 3) Obiettivi di breve termine Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

GLI OBIETTIVI DELL’AZIENDA: LA VISION E LA MISSION

Il termine “VISION” (in italiano “Visione”), nell’economia della gestione d’impresa, viene utilizzato nell’ambito della gestione strategica per indicare la proiezione di uno scenario che un imprenditore  vuole “vedere” nel futuro e che  rispecchia i suoi  valori, i suoi  ideali e le sue aspirazioni generali. La Vision non è un concetto astratto, ma molto concreto poichè è proprio grazie alla “visione” di tanti imprenditori se oggi il mondo è pieno di innovazione, tecnologia, e nuovi prodotti sempre più avanzati. Cosa sognano questi imprenditori per il loro futuro, per i loro prodotti, per i mercati che servono e per i loro consumatori? E, soprattutto, cosa fanno per fare si che i loro sogni si trasformino in realtà? Cosa significa progettare un’organizzazione aziendale in funzione della loro visione? I sogni di imprenditori di successo si sono intrecciati con quelli dei managers, dei lavoratori, dei sindacati e dei consumatori e hanno dato vita ad aziende leader nei loro settori. E’ il caso di di Bill Gates, fondatore della Microsoft Corporation, che ha espresso nella Vision il suo sogno di imprenditore: “Un personal computer su ogni scrivania, e ogni computer con un software Microsoft installato“; oppure è il caso di Henry Ford (fondatore dell’omonima casa automobilistica) :”I cavalli dovranno sparire dalle nostre strade“.O ancora, imprenditori come Walt Disney hanno avuto la loro vision:”Rendere felici le persone“. Altri esempi di Vision sono quelli di altre aziende famose nel mondo. Nokia (produzione di telefonia mobile): “Mettendo in contatto le persone noi aiutiamo il soddisfacimento di un fondamentale bisogno umano di contatti e relazioni sociali. La Nokia costruisce ponti tra le persone – sia quando sono lontane che faccia-a-faccia – e colma il divario tra le persone e le infomazioni di cui hanno bisogno“. Anche la Wal-Mart (azienda di distribuzione di prodotti di largo consumo) ha la sua Vision: “Dare alla gente comune la possibilità di acquistare le stesse cose dei ricchi“. La VISION deve essere esplicitata e deve essere condivisa con l’intera organizzazione, a tutti i livelli: questo è uno dei principali problemi nella definizione della Vision, poichè ancor oggi troppi imprenditori non hanno ancora compreso a fondo la sua importanza e ne sottovalutano l’impatto che ha a livello aziendale. Una vision chiara, accurata, derivante da attente riflessioni, serve a fare comprendere ai membri del’organizzazione dove l’azienda vuole arrivare, al fine di condividerne i successi. Se, quindi, la Vision è il “sogno” che definisce lo scopo per cui l’azienda esiste, la MISSION definisce il ruolo dell’azienda per attuare la Vision. La Mission è la strada che si vuole percorrere per realizzare la Vision e serve per definire le risorse che devono essere utilizzate per arrivare alla Vision. La mission aziendale deve essere allineata alla vision e deve mostrare, in modo molto più dettagliato, come si intendono raggiungere gli obiettivi descritti dalla Vision. La mission tende a focalizzarsi più sul presente e a fornire una guida operativa all’azione dell’organizzazione. La Mission dovrà essere il più sintetica possibile e  deve dichiarare come raggiungere la vision. La Mission dell’organizzazione deve essere composta da alcuni elementi chiave quali: la storia dell’azienda; le preferenze del management e della proprietà, le risorse di cui dispone. Inoltre, la Mission dovrebbe descrivere in modo chiaro e conciso il perchè l’organizzazione esiste, la sua unicità (in cosa si distingue dalle altre aziende concorrenti), i valori che ne guidano l’azione, il target a cui si rivolge,  gli strumenti che utilizza, i bisogni a cui risponde, le risorse su cui fa affidamento. L’ultimo anello di questa catena è rappresentato dalla DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI, che ha origine proprio dalla preventiva definizione delle Visione e della Mission. Gli obiettivi devono avere alcune caratteristiche fondamentali. Gli obiettivi di lungo periodo esprimono i risultati che, all’interno di una determinata mission, il management aziendale si prefigge di raggiungere in un periodo compreso tra i 3 e i 5 anni, utilizzando le risorse che ha a disposizione o che intende procurarsi sul mercato. Anche in questo caso ci sono alcune caratteristiche degli obiettivi generali dell’azienda che sono in comune con gli obiettivi di vendita. Infatti, gli obiettivi dell’azienda devono essere : chiari, possibili, identificabili, misurabili, raggiungibili e controllabili, che sono tutte caratteristiche molto simili agli obiettivi di vendita.

GLI OBIETTIVI DELL’AZIENDA: VISION, MISSION E TIPOLOGIA DI OBIETTIVI

Una volta compreso cosa sono la Vision e la Mission, non ti resta altro che renderle esplicite. Questo è un processo che richiede un certo grado di attenzione e una discreta quantità di energie. La prima domanda che potresti porti è:  “che tipo di obiettivi voglio definire?” Oancora :”Perchè voglio fare questo nuovo investimento?”.  Oppure: “Perchè voglio aprire questa azienda? Sucessivamente puoi concentrarti su altri obiettivi, e quindi puoi scegliere tra una gamma abbastanza ampia di aobiettivi: obiettivi di redditività; di sviluppo; di leadership di mercato; obiettivi sociali; obiettivi di prezzo;   obiettivi di equilibrio finanziario, obiettivi di soddisfazione del cliente eccetera. Non è necessario definire per forza un obiettivo per volta, ma puo anche definirne tanti insiem, purchè non siano in contrasto tra loro. Quando elabori i tuoi obiettivi, ricorda che per ognuno di essi devi definire strategie, azioni e mezzi per conseguirli. Se disponi di risorse finanziarie, organizzative e creative in quantità, allora buon divertimento! Perchè per te sarà davvero divertente fare il business plan. Se al contrario, le tue risorse sono limitate, allora fai le scelte che puoi fare nell’ambito delle risorse che hai. Ciò significa che, per esempio, se hai a disposizione un direttore vendite Italia centrale, vuoi espanderti a livello nazionale, ma non riesci a trovare altri direttori vendite (per non parlare dei venditori…), allora forse è meglio che prima ti preoccupi di strutturare bene la tua azienda dal punto di vista organizzativo, e dopo ti dai da fare per espendere il tuo mercato. In consclusione, hai definito la vision della tua attività? E ne hai definito anche la mission? Hai pensato a quali obiettivi darti e a quali azioni fare per conseguirli? Questo è uno degli aspetti più delicati della pianificazione di un’idea di business: ti ripetiamo che molti omettono di definire con chiarezza la vision e la mission. Coloro che, al contrario, riescono a investire un poò del loro tempo per definire con chiarezza Vision, Mission e obiettivi, tracciano un sentiero ben definito all’interno del quale fare camminare la loro attività