Contributi a fondo perduto per le reti

Contributo reti di impresa nel turismoContributi a fondo perduto per le reti d’impresa che operano nel settore del turismo. Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha stanziato 8 milioni di euro sotto forma di contributi a fondo perduto da destinare a progetti di investimento nel settore del turismo che hanno come obiettivo quello di  promuovere e sostenere i processi di integrazione tra le imprese turistiche attraverso lo strumento delle reti d’impresa. Sono finanziati business plan che prevedono progetti di investimento volti alla riorganizzazione della filiera turistica, alla specializzazione e qualificazione del comparto turistico, e alla crescita della competitività del turismo nazionale nei confronti dell’estero.

Possono partecipare al Bando ” Contributi a fondo perduto per le reti d’impresa” i seguenti soggetti:

  • Piccole e Medie imprese  raggruppate con contratto di rete: minimo 10 imprese;
  • Piccole e Medie imprese  raggruppate in Associazione Temporanea di Imprese (ATI):minimo 10 imprese;
  • Piccole e Medie imprese  raggruppate in consorzi o società consortili:minimo 10 imprese;

con sede legale e operativa in Italia, con codice ATECO I  Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione e con codice ATECO NAgenzie di viaggi e società trasporto persone, iscritte al Registro delle Imprese e  in regola con il DURC.

Possono partecipare al Bando anche le aggregazioni di imprese da costituire al momento della presentazione della domanda.

Le imprese devono presentare business plan con programmi di investimento almeno pari a 400 mila euro.

Contributi a fondo perduto per le reti: spese ammesse

Il Bando  ” Contributi a fondo perduto per le reti d’impresa” copre le seguenti voci di spesa:

  • costi per la costituzione della rete ( limite max 5%);
  • costi per strumentazioni e tecnologie hardware e  software funzionali all’aggregazione delle imprese;
  • costi per le consulenze per al realizzazione del programma di rete ( limite max 10%);
  • sistemi informativi amministrativi;
  • programmi di gestione e prenotazione di servizi turistici (software);
  • piattaforme e-commerce;
  • sistemi di promo – commercializzazione on line;
  • social marketing;
  • costi di pubblicità e promozione;
  • spese per la promozione  integrata del territorio all’estero: partecipazione a fiere, manifestazioni ed eventi (attraverso l’ENIT);
  • costi per la formazione dei titolari d’azienda e del personale (limite max 15%).

Le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributi a fondo perduto e  coprono fino ad un importo pari a 200 mila euro.

E’ possibile presentare la domanda telematica di partecipazione al Bando a partire dalle ore 10 del giorno 14 Dicembre 2015 fino al giorno 11 Marzo 2016 . La domanda va presentata on line sul sito del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Per qualsiasi informazione relativa alla possibilità di accedere al bando e alla stesura del business plan, puoi contattarci allo 06-688.91.958 oppure puoi scriverci una e-mail a: staff@businessplanvincente.com

footer-articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 thoughts on “Contributi a fondo perduto per le reti

    1. Ciao Mario,
      per maggiori approfondimenti puoi contattare i nostri uffici al numero 06.688.91.958, o altrimenti puoi scriverci qui ponendo però domande più specifiche.