Information & Communication Technology (ICT): ecco i finanziamenti.

Information & Communication Technology: i finanziamenti
Information & Communication Technology (ICT): i finanziamenti

Information & Communication Technology (ICT): ecco i finanziamenti nel campo dell’industria sostenibile e nei settori che operano nel campo dell’informazione e dello sviluppo tecnologico; il Ministro dell’economia e delle finanze ha stanziato 400 milioni di euro per finanziare le imprese che operano nel settore dell’industria sostenibile e nei settori dell’ICT che rappresentano, ormai, un punto saldo della nostra economia e una sempre nuova occasione di sviluppo e di business per tutti coloro che hanno competenza di settore. Ma vediamo meglio di cosa si tratta:

Il presente decreto disciplina di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore di progetti di ricerca e sviluppo che vengono effettuati nell’ambito dell’Information & Communication Technlogy (ICT) e che sono rivolti a imprese:

  • di rilevanti dimensioni;
  • che perseguono un obiettivo di crescita sostenibile, per promuovere un’economia efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva;
  • contenuti nel numero ma altamente efficaci nel contribuire concretamente e celermente ad elevare la prestazione del Paese sul piano dell’innovazione e dell’avanzamento tecnologico;
  • in grado di esercitare un significativo impatto sullo sviluppo del sistema produttivo e dell’economia del Paese, avvalendosi dell’impiego di specifiche tecnologie abilitanti fondamentali, così come definite nell’ambito del Programma Orizzonte 2020;
  • che, operando nel settore dell’Information & Communication Technlogy (ICT), si sviluppano nell’ambito di specifiche tematiche rilevanti, caratterizzate da maggiore contenuto tecnologico, più rapido impatto sulla competitività e più immediate applicazioni industriali.

Information & Communication Technology (ICT): i beneficiari

I soggetti che possono beneficiare dei finanziamenti previsti dal bando sono:

  • le imprese;
  • le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;
  • i centri di ricerca con personalità giuridica;
  • imprese start-up innovative.

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione nel territorio italiano di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale che siano strettamente connesse tra di loro in relazione all’obiettivo previsto dal progetto, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali e che si sviluppano nell’ambito delle tematiche rilevanti e che operano, comunque, nell’ambito dell’Information & Communication Technlogy (ICT) inteso quale settore strategico per lo sviluppo.

Al fine di garantire la necessaria selettività degli interventi, il Ministero, su proposta del Comitato, può circoscrivere gli interventi stessi solo ad alcune delle tematiche rilevanti, individuate tenendo conto delle specializzazioni manifatturiere nazionali, degli scenari tecnologici europei e delle esigenze di conseguire applicazioni industriali nel breve-medio termine.

Information & Communication Technology (ICT): le spese ammesse

I finanziamenti previsti nel settore dell’Information & Communication Technology (ICT) riguardano agevolazioni, spese e i costi relativi a:

  • il personale dipendente del soggetto proponente o in rapporto di collaborazione con contratto a progetto, con contratto di somministrazione di lavoro, ovvero titolare di specifico assegno di ricerca, limitatamente a tecnici, ricercatori ed altro personale ausiliario, nella misura in cui sono impiegati nelle attività di ricerca e di sviluppo oggetto del progetto. Sono escluse le spese del personale con mansioni amministrative, contabili e commerciali;
  • gli strumenti e le attrezzature di nuova fabbricazione, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca e sviluppo. Nel caso in cui il periodo di utilizzo per il progetto degli strumenti e delle attrezzature sia inferiore all’intera vita utile del bene, sono ammissibili solo le quote di ammortamento fiscali ordinarie relative al periodo di svolgimento del progetto di ricerca e sviluppo;
  • i servizi di consulenza e gli altri servizi utilizzati per l’attività del progetto di ricerca e sviluppo, inclusa l’acquisizione o l’ottenimento in licenza dei risultati di ricerca, dei brevetti e del know-how, tramite una transazione effettuata alle normali condizioni di mercato;
  • le spese generali derivanti direttamente dal progetto di ricerca e sviluppo, imputate con calcolo pro-rata sulla base del rapporto tra il valore complessivo delle spese generali e il valore complessivo delle spese del personale dell’impresa. Le predette spese devono essere calcolate con riferimento ai bilanci di esercizio del periodo di svolgimento del progetto e, comunque, non possono essere imputate in misura superiore al 50 per cento delle spese per il personale;
  • i materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto.

Le agevolazioni nel settore dell’information & communication technology (ict) sono concesse nella forma del finanziamento agevolato, in relazione alla dimensione di impresa, e con le modalità seguenti:
a) 60% per le imprese di piccola e media dimensione;
b) 50% per le imprese di grande dimensione.

Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni i progetti di ricerca e sviluppo devono prevedere spese ammissibili non inferiori a 5.000.000,00 euro e non superiori a  40.000.000,00 euro.

Il contributo diretto alla spesa è concesso fino al 15% per le piccole e medie imprese e al 10% per le grandi imprese, con una maggiorazione del 5% se c’è la partecipazione di un organismo di ricerca o una partnership internazionale.

E’ possibile presentare il business plan a partire dal prossimo 30 giugno 2015. Per assistenza nell’accesso al Bando e nella redazione del business plan e della domanda contatta i nostri uffici al numero 06.688.91.958 o scrivi a staff@businessplanvincente.com.

footer articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 thoughts on “Information & Communication Technology (ICT): ecco i finanziamenti.

  1. Salve avremmo urgente necessità della redazione di un business plan , da consegnare ad alcuni clienti dai quali siamo stati interpellati per delle gare di appalto;

    Avremmo necessità se possibile di :
    1) Offerta
    2) documenti e/o informazioni richiesti;
    3) Tempi di realizzazione;

    Restiamo in attesa di un vostro possibile urgente riscontro;

    Saluti
    Marco Pizzoli