FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER I PROFESSIONISTI

Fondo Centrale di Garanzia per i professionisti
Fondo Centrale di Garanzia per i professionisti

Fondo Centrale di Garanzia per i professionisti: il  Decreto “del fare” (Dl 69/2013 convertito con la legge 98/2013)  ha stabilito che anche per i liberi professionisti c’è possibilità di utilizzare  il Fondo Centrale  di Garanzia per la copertura finanziaria di nuovi investimenti  o per esigenze di liquidità strettamente connesse all’attività professionale esercitata.

Il Fondo Centrale di Garanzia è  strumento finanziario messo a disposizione dallo Stato per supportare i liberi professionisti che altrimenti “da soli” avrebbero difficoltà ad accedere al credito bancario perché non hanno sufficienti garanzie. L’utilizzo del Fondo Centrale di Garanzia consente al libero professionista di accedere al finanziamento bancario senza le costose garanzie che generalmente vengono richieste dalle banche per l’accesso al credito. Ciò vuol dire che per accedere ai finanziamenti  non è richiesto al libero professionista il rilascio di alcuna garanzia (né ipotecaria né assicurativa).

Possono utilizzare il  Fondo Centrale di Garanzia tutti i liberi professionisti  iscritti agli ordini professionali e che operano in tutti i settori economici e che sono economicamente e finanziariamente “sani”cioè non devono essere segnalati  in centrale rischi come clientela “a incaglio” o “in sofferenza” e non devono avere pignoramenti e/o protesti.

Fondo Centrale di Garanzia: modalità di accesso

Come in ogni bando pubblico, c’è una sorta di “fase preliminare” che è necessaria per la verifica del possesso dei cosiddetti “requisiti di accesso”. Cosa sono questi “requisiti di accesso”? Si tratta di alcuni requisiti di base che la Pubblica Amministrazione vuole conoscere per decidere se il soggetto può essere finanziato oppure no. Uno dei requisti più importanti da verificare è il codice ATECO dell’iniziativa imprenditoriale; se il codice rientra nell’ambito di quelli finanziabili dal bando in oggetto, allora vale la pena di continuare a verificare l’esistenza di tutti gli altri requisiti di accesso. Se, invece, il codice ATECO non rientra tra i codici attività che possono essere finanziati, allora è inutile continuare a perdere tempo per verificare se gli altri requisiti sono in regola oppure no: se il codice ATECO non è finanziabile, rimane ben poco altro da fare..

Per verificare se ci sono i presupposti di accesso al Fondo Centrale di Garanzia occorre analizzare i seguenti documenti:

  • ultimi 2 bilanci
  •  business plan in cui viene descritto in modo dettagliato il piano degli investimenti

Il Fondo Centrale di Garanzia copre circa 75%-80% del piano degli investimenti a programma: il restante 25%-20% deve essere coperto dal libero professionista facendo ricorso a mezzi propri.

Per valutare se hai  i requisiti per accedere ed utilizzare il Fondo Centrale di Garanzia scrivi  a staff@businessplanvincente.com o telefona al numero 06.688.91.958 e chiedi l’invio della scheda da compilare per l’esame gratuito di pre-fattibilità.

Fondo centrale di garanzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 thoughts on “FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER I PROFESSIONISTI

  1. Buongiorno, gentilmente volevo avere un opinione vostra, su un finanziamento che stiamo per chiedere per un affitto di ramo d’azienda di un ristorante da gestire la cifra che chiederemo sarà all’incirca di 130/150mila euro è quella che serve per sostituire alcune attrezzature già esistenti e dare una nuova immagine al locale. Secondo il vostro parere se diamo alla banca una garanzia di ipoteca su un’immobile valore perizia 250000mila euro fideiussione deimiei genitori quali titolari di reddito e una garanzia del 30% di una associazione di categoria ed in più metteremo del nostro capitale quali 45 mila euro quale fideiussione a garanzia dell’affitto ed in piu’ tra capitale sociale della srl 10000mila piu’ altre 15000 i soci le kiedo che probabilità posso avere di un esito positivo del finanziamento? La ringrazio anticipatamente e attendo sua risposta seba

    1. Ciao Seba,

      sulla base delle (poche) informazioni che hai scritto, in linea di massima la mia risposta è “SI” (nel senso che una banca potrebbe accettare le condizioni che hai scritto); solo che noi non simo una banca e, anche se sappiamo come ragionano quando devono concedere un finanziamento, non posso darti una risposta certa al 100% poichè, in fase di istruttoria, la banca tiene presenti non solo le garanzie ma, per esempio, anche il rating bancario e altri aspetti quali il business plan che devi presentare per chiedere il finanziamento.

      Quindi: vai nella tua banca e chiedi qualche informazione in merito e senti cosa ti dicono: se per loro è tutto OK e devi solo scrivere il business plan da allegare alla domanda di finanziamento, allora contattaci allo 06-688.91.958 (oppure scrivi una e-mail a: staff@businessplanvincente.com) e ti aiutiamo a scrivere un piano di impresa valido ed efficace.

      Se non vuoi avvalerti della nostra consulenza ma vuoi scrivere il piano di business in autonomia (e risparmiando i soldi della consulenza) clicca qui:

      http://www.businessplanvincente.com/prodotti/come-fare-il-business-plan

      E’ la guida pratica che hai aiutato tantissimi imprenditori a scrivere il piano di business in modo chiaro, semplice e professionale.

      1. Ciao Maria,

        purtroppo (e come puoi leggere dai commenti precedenti il tuo), non ci occupaimo più di questi bandi da qualche anno a causa di lungaggini burocratiche ed altre tipologie di problemi che abbiamo avuto in passato.

        Mi dispiace non essere stato di aiuto.