CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER IL TURISMO

Contributi a fondo perduto per il turismoContributi a fondo perduto per il turismo: nell’ambito delle agevolazioni volte a favorire l’autoimprenditorialità, Invitalia mette a disposizione degli imprenditori incentivi  sotto forma di contributi a fondo perduto e sotto forma di finanziamenti agevolati.

Infatti, gli imprenditori che vogliono investire nel settore del turismo possono utilizzare i contributi e le agevolazioni messe a disposizione di Invitalia per coprire  l’ammontare degli investimenti a programma. Le agevolazioni possono arrivare ad un massimo di 516.000 euro e coprono:

  1. l’80-90% del piano degli investimenti nelle Regioni del Sud Italia
  2. il 60-70% del piano degli investimenti nelle Regioni del Nord-Centro Italia

Possono accedere al bando:

1) le imprese già costituite sotto forma di Snc, Sas, Srl, SpA, SapA e società cooperative di produzione e lavoro

2) le  imprese in fase di start up sotto forma di Snc, Sas, Srl, SpA, SapA e società cooperative di produzione e lavoro

la cui maggioranza dei soci è rappresentata da giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni residenti in Italia al momento della presentazione della domanda.

Per accedere ai contributi a fondo perduto occorre presentare il business plan dell’idea di business da sviluppare nel settore del turismo. Il piano di business deve descrivere dettagliatamente l’organizzazione aziendale, il mercato di riferimento, il servizio turistico offerto, il piano degli investimenti con la relativa copertura finanziaria, la stima degli obiettivi di vendita e la previsione dei costi di gestione.

Il bando è “a sportello” e la domanda si può presente sempre che ci sia la disponibilità delle risorse finanziarie.

Per assistenza nella redazione del business plan fissa un appuntamento con uno dei nostri consulenti scrivendo a staff@businessplanvincente.com  oppure telefonando allo 06.688.91.958.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

34 thoughts on “CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER IL TURISMO

  1. Buon giorno
    ho un albergo da ristrutturare,in zona montana,regione veneto, provincia
    treviso,esistono finanziamenti europei o regionali a fondo perduto?
    Ringraziandola distinti saluti

    1. Ciao Renzo,

      l’articolo che hai postato risale all’anno 2013 e il Bando non è quindi più attivo.
      Al momento non sono attivi bandi che prevedono contributi a fondo perduto per la ristrutturazione. Sono invece attivi, dal prossimo 14 Dicembre 2015, contributi a fondo perduto per le imprese che operano nel turismo e vogliono realizzare in rete progetti volti alla valorizzazione del territorio italiano.
      Per conoscere requisiti e modalità, puoi leggere questo link:
      http://www.businessplanvincente.com/2015/11/contributi-a-fondo-perduto-per-le-reti.html

  2. Salve, ho sentito dire che esistono di nuovo finanziamenti a fondo perduto per società che lavorano con il turismo, è vero?

    grazie mille
    saluti
    veronica

    1. Ciao Veronica,

      la possibilità di accedere ai fondi pubblici dipende da una serie di aspetti che il business plan deve contenere:
      1) tipologia di società
      2) tipo di attività
      3) Regione dove si svolge l’attività
      4) ammontare e tipologia dei beni da acquistare

      Al momento per il settore turismo c’è la possibilità di accedere a agevolazioni fino a 129.000 euro. Possono accedere a questi contributi le Sas e le Snc di nuova costituzione la cui maggioranza dei soci è rappresentata da persone fisiche NON OCCUPATE.
      Queste agevolazioni si possono ottenere in una delle seguenti Regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata; Calabria, Sicilia e Sardegna.
      Per ottenere il contributo devi presentare il business plan dell’idea di business che si vuole realizzare.
      Ciao

    1. Ciao Stefano,

      il bando sul turismo è ancora aperto ma non sappiamo a che punto sono i plafond disponibili.

  3. Buongiorno,
    in relazione alla domanda precedente ,
    aggiungo la seguente:
    partendo da un investimento totale di 250
    mila per realizzare una piccola attività
    ricettiva nel sud italia.di questi 250
    circa 200 mi necessitano per ristrutturazione
    e 50 per mobili e arredo.Da questo punto
    di vista posso ottenere aiuto dalla legge
    sul turismo(massimale 516mila euro)

  4. buongiorno,
    vorrei sapere,trovandomi nel sud italia,su un investimento
    totale di circa 250 mila euro,mettendo io 50 mila euro
    di capitale proprio,i rimanenti 200 mila euro come vanno
    rpartiti tra fondo perduto e capitale da restituire?
    Mi riferisco alla legge sul turismo con un massimale
    di 516 mila euro

    1. Ciao Silvio,

      quando presenti il business plan a INVITALIA per la tua idea sul turismo, INVITALIA valuta una serie di cose (non solo quanto capitale proprio ci metti) le quali, tutte insieme, concorrono a formare le percentuali di composizione del contributo che poi INVITALIA concede (o non concede) e quindi la percentuale di composizionetra il fondo perduto e l’agevolato variano al variare proprio di queste variabili.

  5. Salve,
    Sono un Siciliano di 31 anni e da tempo giro per il web in cerca di qualche finanziamento per il mio progetto:
    Gestisco un portale turistico sulla Sicilia ma mi occorre un finanziamento per un ulteriore sviluppo e promozione. Esiste qualche bando per simili progetti ?

    Cordialmente Gaetano…

    1. Ciao Gaetano,

      rientri perfettamente nei limiti di età fissati da INVITALIA per la richiesta di contributi per il bando “AUTOIMPRENDITORIALITA'”. Se fai un giro nel loro sito oppure fai una telefonata, verifica la sussistenza di tutti gli altri requisiti di ammissibilità a finanziamento. Se ce li hai tutti, non ti resta che iniziare a scrivere il business plan della tua idea poichè INVITALIA ti chiederà di scriverlo al 100% e di allegarlo alla domanda di finanziamento.

      Se non sai come fare per scrivere il piano di business, clicca qui:

      http://www.businessplanvincente.com/prodotti/come-fare-il-business-plan

      E’ la GUIDA PRATICA che sta aiutando tantissimi imprenditori e aspiranti imprenditori a scrivere il piano di impresa in modo semplice, economico, chiaro e professionale.

    1. Ciao Massimiliano,

      il bando di INVITALIA opera a livello nazionale e quindi la risposta è SI.
      Per maggiori delucidazioni, puoi chiamare o scrivere una e-mail a INVITALIA stessa e verificare insieme a loro la sussistenza di tutti i requisiti di ammissibilità richiesti per accedere ai finanziamenti.

      Se non sai come fare per scrivere il piano di business, clicca qui:

      http://www.businessplanvincente.com/prodotti/come-fare-il-business-plan

      Se hai bisogno di una consulenza, puoi chiamarci allo 06-688.91.958

  6. Se ho ben capito si puo accedere a dei contributi solo se si e’ giovani e disoccupati. Io ad esempio ho 46 anni non sono disoccupata, anche se il mio lavoro e’ di tipo privato e con un piccolo stipendio. Pero’ possiedo una magnifica proprieta’ agricola alle falde del monte Erice (Trapani) . il mio sogno sarebbe realizzare una piccola struttura ricettiva con ristorantino. ma con le mie risorse non ce la posso fare. Licenziarmi non me la sento. Secondo voi potrei ricevere qualche contributo? Grazie. Marisa

    1. Ciao Marisa,

      possono accedere ai contributi del bando “AUTOIMPRENDITORIALITA'” i giovani 18-35 anni mentre per accedere al bando “MICROIMPRESA” non ci sono particolari limiti di età. L’unico limite vero alla possibilità di accedere ai fondi è la condizione di inoccupazione/disoccupazione del proponente e, da quello che hai scritto, mi sembra che tu non abbia questa caratteristica.

      Quindi, e purtroppo, non credo tu possa ricevere alcuna forma di contributo da parte di INVITALIA poichè i suoi bandi sono rivolti alla creazione di nuove realtà imprenditoriali da parte di pewrsone disoccupate/inoccupate.

  7. Ciao, ho una società srl per architettura e arredamento, sto estendendo nella ragione sociale anche il turismo, con nuovi soci di età tra il 18 – 35 anni, vorrei sapere per il bando per il turismo è necessario che tutti i soci devono essere sotto il 35 anni, o devono avere la maggioranza di azioni.
    Attendo vostro graditi riscontro.
    Distinti Saluti.
    Mikhel

  8. Sono proprietario di un immobile con destinazione
    di uso per settore ricettivo.Mi hanno fatto un preventivo
    di circa 250mila uero necessarie per opere interne per
    avviare una attività ricettiva.
    Potendo utilizzare questo bando in che quantità di
    euro potrei essere aiutato?
    Grazie
    Silvio

    1. Ciao Silvio,

      possono accedere al bando le società costituite o in fase di start up e non quindi le persone fisiche.
      L’ammontare dell’agevolazione può arrivare fino ad un massimo di 516.000 euro: ovviamente l’ammontare dell’entità del contributo dipende anche dall’apporto dei mezzi propri da parte dell’imprenditore.

  9. Salve, sono in Campania, Salerno per l’esattezza, e con un amico che possiede un terreno piuttosto grande vorremmo avviare un’attività agrituristica con tanti servizi annessi (maneggio, ristorazione, affittacamere, ecc.). Sono disponibili fondi in tal senso? In che misura? Che tempi ci sono per ottenerli? Grazie!

    1. Ciao Antonio,
      per accedere ai contributi per realizzare un agriturismo occorre essere “imprenditore agricolo” con tutti gli adempimenti amministrativi e fiscali che ne conseguono.
      Nel merito ti invio il link ad un bando specifico del settore agricolo:
      http://www.businessplanvincente.com/2012/03/contributi-a-fondo-perduto-per-il-settore-agricolo.html
      Puoi invece utilizzare i contributi per il turismo, di cui parliamo in questo articolo, nel caso decidessi di creare una società (Snc, o Sas, o Srl, o SpA) che offre i servizi di cui parli.
      Per accedere ai contributi devi presentare il business plan in cui descrivi dettagliatamente la tua idea di business.

      1. In pratica mi stai dicendo che i fondi vengono concessi non in funzione dell’attività ma della forma giuridica che ha la stessa. Cioè se sono un imprenditore agricolo rientro nella casistica che mi hai citato, ma se sono una società agricola posso accedere ai fondi per il turismo per realizzare un agriturismo. È questo che volevi dirmi?

        1. Ciao Antonio,
          non è questo che ho scritto. I bandi di finanza agevolata prevedono dei requisiti per potervi accedere. Alcuni di questi requisiti sono:
          1) la forma giuridica dell’attività
          2) il settore economico
          3) l’età dei soci
          4) lo stato di non occupazione dei soci
          5) gli anni di attività dell’impresa
          6) etc, etc
          Ciò vuol dire che ci sono bandi per il settore agricolo, bandi per il settore del turismo, bandi per il settore manifatturiero, etc.
          Per cui se intendi avviare un agriturismo dovrai far riferimento al bando specifico del settore agricolo (che richiede tra i requisiti di accesso il fatto che la richiesta venga fatta da un imprenditore agricolo); se invece intendi avviare un’attività di affittacamere dovrai far riferimento ai bandi relativi al settore del turismo.

  10. Ciao purtroppo dall’articolo non viene menzionato il finanziamento per l’apertura di un b & b.
    Io risiedo a palermo, nello specifico a Mondello , una località sul mare e molto turistica.
    La mia idea sarebbe proprio quella di trasformare parte della mia abitazione in B & B.
    Sapete darmi qualche info al riguarda?
    Ringraziandovi anticipatamente
    Giovanni

    1. Ciao Giovanni,
      stante il fatto che giuridicamente il Bed & Breakfast rientra tra le cosiddette attività extra-alberghiere insieme agli affittacamere, alle case ed appartamenti per vacanze, e ai residence; nella prassi accade che molto spesso l’attività del Bed & Breakfast è svolta in modo saltuario e occasionale da proprietari o possessori di immobili che oltre alla residenza non hanno nessun obbligo amministrativo e fiscale. Per questo tipo di situazioni ovviamente non è possibile fare richiesta di contributi e di agevolazioni poichè di fatto non c’è alcuna forma di società che gestisce l’attività ma lo fa solo una persona fisica.
      Altro discorso è invece il caso di chi gestisce Bed & Breakfast sotto forma di società (Sns, o Sas o Srl o SpA), in questo caso è possibile invece accedere ai contributi a fondo perduto e/o agevolazioni.
      Quindi l risposta alla tua domanda è: se gestisci il B&B come “persona fisica” non puoi accedere ai contributi; se invece svolgi l’attività con una società regolarmente costituita puoi accedere ai contributi presentando il business plan della tua idea di business.

  11. Salve, una domanda sull’autoimprenditorialità ed in particolare sulla copertura dell’investimento nelle regioni del sud italia: se è richiesto un apporto minimo in mezzi propri del 25% sul totale investimenti (come si evince dal modello di business da allegare alla domanda), come è possibile che nel sud la copertura agevolata arrivi fino al 90% ?
    Grazie

    1. Ciao Antonio,
      la copertura finanziaria da parte di Invitalia, per il Sud Italia, varia dall’80 al 90% del piano degli investimenti.
      Ciò vuol dire che per un piano di investimenti pari a 400.000 euro se un imprenditore conferisce mezzi propri per 80.000 euro la copertura da parte di Invitalia è pari all’80%; se invece, per lo stesso piano di investimenti l’imprenditore conferisce mezzi propri per 40.000 euro la copertura finanziaria da parte di Invitalia è pari al 90% dell’investimento. Certo è, che in questa seconda ipotesi il rapporto indebitamento/mezzi propri non ottiene un punteggio elevato in fase di istruttoria e di valutazione del business plan.

      1. Ciao Paola,
        ok, su questo ci siamo, forse mi sono spiegato male ma la mia domanda era un’altra.
        Riporto dal punto 7.4 del Modulo Business Plan per Nuove Imprese del Tit. I D. Lgs. 185/2000:
        “Secondo le disposizioni di cui all’art. 13 del Regolamento CE 800/2008, il beneficiario deve apportare un contributo finanziario pari almeno al 25% dei costi d’investimento ammissibili, attraverso un aumento di capitale sociale, un versamento in conto futuri aumenti di capitale sociale e/o un finanziamento soci infruttifero. (allegare dichiarazione di disponibilità da parte dei soci)”.
        Ora, se su 100€ di investimento l’apporto di mezzi propri è di almeno 25€, come fa Invitalia a coprire fino al 90% ? Non può arrivare al massimo al 75% ?

  12. l’autoimprenditorialità per il settore turismo comprende anche l’attività di ristorazione? in effetti, qualche mese fa, INVITALIA ha risposto alla domanda con affermazione negativa.

    1. Ciao Angela,
      ti confermo la risposta di Invitalia. Infatti l’attività di ristorazione rientra nel settore economico “Attività dei servizi di alloggio e ristorazione” e quindi è coperto dai contributi a fondo perduto previsti per l’autoimpiego e non per l’autoimprenditorialità.
      Per approfondire la misura dell’autoimpiego puoi leggere questo articolo:
      http://www.businessplanvincente.com/2012/03/contributi-a-fondo-perduto-per-la-microimpresa.html

  13. Buongiorno,
    un quesito…che voi sappiate, questoi bando è ancora aperto? dove bisogna presnetare domanda se la risposta è affermativa? grazie
    VB

    1. Ciao Valentina,

      questo bando è stato aperto e chiuso tre volte a causa della mancata utilizzazione dei fondi (eh si…purtroppo è così!). L’ultima volta, se non sbaglio, è stato chiuso il 18/10/2012. Al momento non abbiamo notizie “fresche” in merito, anche se crediamo che lo riapriranno poichè dovrebbe entrare nella c.d. “gestione dei residui”. Ovviamente, appena avremo notizie, avviseremo gli iscritti alla nostra mailing list.

      Se vuoi iscriverti alla mailing list, vai nella parte destra del sito e scarica lo special report gratuito “I 7 SEGRETI PER FARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO”; lascia il tuo nome e la tua email e sarai aggiornata su una serie di iniziative relative a bandi di livello nazionale e anche regionale.

      1. Buonasera, ho una società srl, che lavora nel campo del arredamenti internazionale, vorrei aggiungere il turismo, con nuovi soci più giovani, volevo sapere se è necessario avere tutti i soci di età tra 18 – 35 anni.
        Grazie – Mikhel

        1. Buonasera, in data 19/03/2013 avevo fatto una domanda, non ho avuto ancora la risposta, se per cortesia potete rispondere la mia domanda.
          Grazie.
          Mikhel

      2. buongiorno
        non ricevo il link per poter confermare il mio indirizzo di posta corretto e quindi scaricare il ““I 7 SEGRETI PER FARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO”

        Uso una “gmail” ho controllato tutti i cestini …spam ecc.
        posso avere una soluzione?

        grazie
        salvatore